Social8

Chi ci ama ci segue

View this post on Instagram

«Poi noti il venditore di frutta, e come appare pittoresco… Prendi il telefono e – dai un’occhiata intorno, un po’ in imbarazzo, ma nessuno sta guardando, fanculo – ti fai un selfie veloce. Ed ecco la tua faccia tutta mento, posizionata accidentalmente in modo da dare l’impressione che tu abbia un casco di banane in testa. Usi gli ultimi dei tuoi 3G per caricarla su Facebook, Twitter e Instagram e aspetti. Un ronzio, poi un altro e un altro. Infine, puoi rilassarti. Sì, sei molte cose, e la città le conosce tutte, ma proprio qui, proprio ora, sei una faccia stupida in una città di otto milioni di persone a cui tredici hanno messo mi piace.» #DaDoveEntraLaLuce #ClareFisher #OttoEdizioni • 💡♾💡♾💡♾💡♾💡♾💡 • Da dove entra la luce: Clare Fisher un po’ c’è lo dice e un po’ se lo chiede, in questa raccolta di racconti in cui il filo conduttore, a volte evidente e altre più sottile, è ciò che è capace di fare luce nella nostra vita di persone comuni. Nonostante infatti i molti riferimenti all’Inghilterra, i personaggi che l’autrice mette in scena sono così ordinari che potrebbe trattarsi di uno qualunque di noi, in un qualunque luogo. Clare Fisher scatta delle istantanee che illuminano per un secondo esistenze che non hanno nulla di speciale, come se avesse il coraggio di andare a scavare perfino in quei pensieri più banali che a tutti capita di avere e che il più delle volte non ci prendiamo la briga di analizzare fino in fondo. La sua abilità è saper tirare fuori delle storie dove potrebbe non esserci nulla da raccontare, di saper usare le parole per descrivere stati d’animo che altrimenti rimarrebbero al buio. La luce è sicuramente la grande protagonista di questi racconti, ma altrettanto lo sono le crepe, che le permettono di insinuarsi e di proiettare quelle ombre tutte diverse che l’autrice ci racconta. Una raccolta di racconti originale, uno stile molto particolare che se da una parte si fa leggere d’un fiato, anche per la sua forma breve e a volte brevissima, dall’altra costringe a fermarsi e tornare indietro, per poterci assicurare che la luce in quella stanza possiamo spegnerla, e accenderla da un’altra parte. Clare Fisher oggi alle 20.00 è da @colibri_milano

A post shared by coquigna (@coquigna) on

View this post on Instagram

🇬🇧 Who likes shorts stories? ⠀ 🇮🇹 Con Da dove entra la luce ci troviamo davanti una raccolta di micro storie, micro sprazzi di vite in cui il lettore si affaccia per poi richiudere la tenda e passare alla prossima. ⠀ Lo stile della Fisher è peculiare, perchè ogni micro racconto è a se stante e rappresenta un personaggio che non ha nome nè avrà futuro per il lettore, semplicemente esiste in que momento e lì viene rappresentato. Sono personaggi diversi fra loro, alcuni con pensieri tetri, altri con gioie luminose, altri ancora hanno vissuto esperienze traumatiche. Il tutto, a volte, è inframezzato da riflessioni su ciò che ci circonda, sul mondo che viviamo e su come ci rapportiamo o non ci rapportiamo a chi ci sta intorno. ⠀ È sicuramente un libro particolare, che in alcuni frammenti ho apprezzato decisamente più che in altri. I miei racconti preferiti sono stati quelli più nudi, i più crudi da raccontare, ma a volte anche i più felici. In altri casi, invece, ho trovato le micro storie confusionarie, con troppi periodi subordinati che lasciavano perdere il senso del periodo principale nel mare di parole. Così spesso ho dovuto rileggere, tornare indietro e cercare la principale. ⠀ C'è anche da dire che i racconti e le microstorie non sono il mio genere, però a causa del tema di Da dove entra la luce volevo provare a leggerlo. ⠀ Insomma, se da una parte mi è andata bene, dall'altra non sono completamente soddisfatta. ⠀ Piccolo plauso alla traduzione, che ho trovato ottima. Le parole sono ricercate e non banali, danno un allure di penombra che, poi, è proprio lo scopo del libro. ⠀ #booklover #bookworm #bookstagrammer #booknerd #bookaddict #bookishlove #bookcommunity #bookwormlife #bookgram #unitedbookstagram #igreads #readersofinstagram #bookclub #bookstagramfeature #goodreads #booksofig #epicreads #prettybooks #bibliophile #bookfeature #bookwormsfeature #bookishfeature #booksbooksbooks #becauseofreading #featuredbooklovers #littlebookworm #readingismagic #welovebooks #bookwormsunite

A post shared by Valery & her Books 🇮🇹🇬🇧 (@valerytikappa) on

View this post on Instagram

Non so se #dadoveentralaluce di @clarefisherwriter sia una domanda o semplicemente un complimento di luogo. So che Clare Fisher indaga in questa raccolta di racconti come essa si trasformi, si propaghi, si manifesti. La luce, se c’è, riesce anche ad attraversare le crepe. O sono proprio le crepe in noi stessi che fanno filtrare la luce? Come le persiane chiuse nelle mattine d’estate, da cui arrivano comunque i raggi del sole che non ci fanno dormire. Una cosa è certa di questo libro, ognuno di noi è fatto di luce e ombre. Clare Fisher ci costringe a prendere il punto di vista di ogni suo personaggio, di calzare i suoi vestiti almeno per un giorno, un attimo, un secondo. L’effetto che si ha è quello di estraniamento: impossibile mettere muri, filtri o resistenze; tu sei lì e senti tutto. Sarà che la scrittrice ha la capacità di parlarci di un’Inghilterra che alla fine non è così distante e lontana da noi? Sarà che siamo esseri contraddittori e volubili? Sarà che alla fine vogliamo tutti qualcosa ma siamo costretti ad adeguarci alle regole imposte? Io non ho risposte e nemmeno Clare Fisher, che, alla fine, butta tutto nelle mani del lettore, ci consegna le sue domande come se fosse una staffetta. E allora forse il titolo del libro è davvero una domanda: da dove entra la luce? #8edizioni #luce #clarefisher #uk #bookstagram #book #booklover #recensioni #libri #amoleggere #libromania #ombra #crepe #scrittrice #casaeditrice #milano

A post shared by Ilaria (@ilariaracconta) on

View this post on Instagram

Presentazione di @8tto_edizioni

A post shared by Alice Callegari (@alicecallegari.ph) on

https://www.instagram.com/stories/highlights/17848324204725760/